Treasury Wine Estates – Condizioni di Vendita

Italia

Treasury Wine Estates – Condizioni di Vendita

Italia

1. Tutti gli ordini sono soggetti a queste condizioni. Accettando la consegna di qualsiasi merce o la prestazione di qualsiasi servizio descritti nel presente documento, l’acquirente accetta di essere vincolato da queste Condizioni di vendita. Il venditore può accettare integralmente o parzialmente qualsiasi ordine per la fornitura di prodotti o servizi, o rifiutare qualsiasi offerta. Quando il venditore consegna qualsiasi porzione di un ordine, queste Condizioni di vendita si applicano ai prodotti e servizi consegnati. Nessuna responsabilità verso l’acquirente ricade sul venditore rispetto ai prodotti e servizi che quest’ultimo non riesce a fornire all’acquirente (a prescindere dalla precedente accettazione di un ordine per la fornitura di tali prodotti e servizi).

2. Queste condizioni prevalgono. Fatti salvi gli altri accordi sottoscritti per iscritto dal venditore, queste Condizioni di vendita prevalgono sui termini di qualsiasi ordine, anche se dispongono altrimenti.

3. Prezzo. I prezzi applicati dal venditore, come indicati sul listino prezzi pertinente, potrebbero essere modificati senza preavviso e tutti gli aumenti risultanti devono essere aggiunti al prezzo di vendita. Tali prezzi addebitati dal venditore per il relativo acquisto sono soggetti a qualsiasi aumento per l’importo delle accise, dell’IVA, degli oneri doganali o dell’assicurazione tra la data dell’ordine e quella di consegna, e l’importo di tale aumento deve essere aggiunto ai prezzi di acquisto ed essere esigibile dal venditore.

4. Pagamento. L’acquirente corrisponde il pagamento, in contanti oppure tramite assegno o trasferimento elettronico (o altro metodo approvato per iscritto dal venditore), del prezzo di acquisto dei prodotti e servizi descritti sul retro entro la scadenza specificata in qualsiasi fattura o documento (oppure, se la scadenza non è specificata, su richiesta del venditore).

5. IVA. L’IVA viene addebitata per qualsiasi fornitura eseguita ai sensi di queste Condizioni di vendita; l’acquirente deve pagare al venditore una somma aggiuntiva pari all’importo dell’IVA dovuta per la fornitura imponibile, subordinatamente alla ricezione da parte dell’acquirente di una fattura valida per la fornitura all’atto o prima del pagamento (se richiesta dalla Legge). L’importo aggiuntivo deve essere corrisposto alla data entro cui la fornitura imponibile deve essere pagata, come stabilita da queste Condizioni di vendita.

6. Mancato pagamento. Se:
(i)    l’acquirente non estingue il proprio debito verso il venditore quando questo diventa esigibile, o non ottempera altrimenti ai propri obblighi dettati da queste Condizioni di vendita;
(ii)   un amministratore, amministratore e manager, liquidatore, liquidatore provvisorio o manager ufficiale, amministratore, controllore o curatore fallimentare viene nominato per tutti o uno qualsiasi degli asset dell’acquirente, oppure viene proposto e approvato uno schema o accordo relativamente all’acquirente; oppure
(iii)  viene presentata una petizione per la liquidazione o la bancarotta dell’acquirente; allora il venditore può esercitare a propria discrezione qualsiasi o tutti i seguenti diritti (a prescindere da qualsiasi precedente mancato esercizio di tali diritti):
(A)  di richiedere il pagamento dell’intero debito non estinto dall’acquirente, e l’acquirente accetta il pagamento immediato;
(B)  di prendere possesso di tutte le merci a cui l’acquirente non ha titolo (a tale fine l’acquirente autorizza il venditore ad accedere a qualsiasi stabilimento in cui le merci possano trovarsi, e a prendere possesso di esse); e/o
(C) con o senza la presa di possesso delle merci, di vendere le merci tramite asta pubblica o accordo privato su canali al dettaglio o all’ingrosso, in cambio di denaro o secondo le circostanze e in genere come reputato idoneo dal venditore, e di dedurre i proventi ricevuti, dopo la detrazione dei costi di vendita e amministrativi, dall’importo del debito dell’acquirente.

7. Interesse. Se l’acquirente non paga entro la data di scadenza, in ottemperanza alla clausola 6, l’acquirente deve pagare al venditore l’interesse sul proprio debito, calcolato dalla data di scadenza del pagamento fino a quella del pagamento e secondo i tassi stabiliti di volta in volta dal venditore.

8. Costi di default. L’acquirente deve pagare al venditore, su richiesta,
i costi e le spese sostenuti dal venditore per consulenti legali, agenti di commercio e altri agenti che agiscono per conto del venditore relativamente a qualsiasi riscossione o tentativo di riscossione del debito dell’acquirente.

9. Proprietà delle merci. L’acquirente accetta che la riserva e la proprietà delle merci vengono conservate dal venditore fino al loro trasferimento all’acquirente all’atto del pagamento di tutte le somme dovute, soggette a questo o a qualsiasi altro contratto stipulato con il venditore.

10. Rischio inerente alle merci. A prescindere da qualsiasi altra disposizione di questo contratto, il rischio inerente alle merci deve essere trasferito all’acquirente quando le merci sono consegnate a quest’ultimo.

11. Consegna. La consegna viene effettuata quando il venditore recapita le merci presso la sede dell’acquirente. Per i contratti FOB/FOR, la consegna avviene quando le merci sono collocate sull’autocarro, vagone o altra imbarcazione nel punto di partenza. In aggiunta a quanto sopra, ogni volta che il contratto specifica che le merci saranno oggetto di una consegna FOB si applicano le seguenti condizioni:
a)   Le somme pagate a titolo di assicurazione contro i rischi di guerra, se pertinenti, devono essere aggiunte al prezzo di acquisto e sono dovute dall’acquirente.
b)   Il venditore consegna le merci, a proprie spese, allo spedizioniere affinché siano consegnate al molo o agli agenti nel punto di spedizione, ma l’acquirente si assume tutti i rischi delle merci nel punto di spedizione.
c)   La fattura viene emessa nel punto di spedizione e si applicano i termini di credito FOB.
d)   L’acquirente si assume la responsabilità del pagamento secondo i termini, a prescindere dalla posizione geografica delle merci alla data della consegna.
e)   Il peso, la quantità e/o i numeri specificati sono approssimativi, e al venditore deve essere concesso un margine del 10% in più o in meno.
f)   Le offerte per l’ordine presentate all’acquirente sull’imbarcazione, o dall’agente dell’imbarcazione, dal magazziniere o dallo spedizioniere, sono equivalenti alle offerte del venditore per una polizza di assicurazione marittima.
g)   L’assicurazione deve essere FPA o WPA (con o senza rischi di guerra), deve corrispondere all’importo reputato appropriato dal venditore secondo le circostanze e può essere fornita secondo i termini della polizza del venditore. Un certificato di assicurazione, o altro estratto o documento che notifichi l’esistenza di una polizza assicurativa per le merci, può sostituire sufficientemente una polizza di assicurazione.
h)   La Polizza di carico (B/L) della nave viene considerata una prova prima facie dei fatti dichiarati nel relativo documento.
i)    Il contratto deve essere governato e interpretato secondo la Legge vigente nel relativo Stato di esportazione.

12. Nessuna responsabilità per i ritardi. Il venditore non è responsabile né accetta l’attribuzione di alcuna responsabilità per la consegna tardiva o la mancata consegna delle merci, e se la consegna tardiva fosse proposta in qualsiasi circostanza dal venditore, l’acquirente deve accettarla e pagare le merci. Ogni consegna deve essere considerata come un contratto separato e la mancata esecuzione di qualsiasi consegna non modifica il contratto, come per qualsiasi altra consegna.

13. Spese. Se l’acquirente non riceve le merci alla consegna, il venditore si riserva il diritto di addebitare le spese sostenute in seguito a tale mancato ricevimento.

14. Ispezione. Tutte le merci devono essere ispezionate alla data della consegna, e qualsiasi danno o danneggiamento evidente deve essere indicato su tutti i documenti di consegna firmati dall’acquirente. Il venditore non accetta alcuna responsabilità per il danneggiamento delle merci in transito, salvo che l’acquirente:
(a)   Conservi tutti gli imballaggi delle merci danneggiate per l’ispezione;
(b)   Contesti i documenti di consegna con i dettagli dei danneggiamenti evidenti;
(c)   Notifichi per iscritto al venditore e a qualsiasi spedizioniere indipendente qualsiasi reclamo per danneggiamenti prima che siano trascorsi tre giorni dalla consegna; e
(d)   Notifichi la mancata consegna al venditore entro i due giorni lavorativi successivi alla data di consegna.

15. Stoccaggio delle merci. Qualora il pagamento dell’intero importo dovuto non sia stato ricevuto dal venditore, l’acquirente può detenere le merci su base fiduciaria in veste di depositario garante per il venditore e deve, a proprie spese, garantire lo stoccaggio appropriato e sicuro delle merci con riferimento allo specifico contratto, tenendole separate dalle altre merci possedute e in buone condizioni, e contrassegnandole al fine di distinguere chiaramente i beni di proprietà del venditore.

16. Responsabilità del venditore. L’acquirente accetta che:
(a)   tutte le condizioni e le garanzie implicite che ricadono sul venditore in relazione a tutte le merci e i servizi che devono essere forniti ai sensi di questo documento, sono escluse nella misura massima concessa dalla Legge;
(b)   per quanto concerne le responsabilità che il venditore non può escludere, la responsabilità del venditore è limitata, a sua discrezione, alla sostituzione, riparazione o nuova fornitura;
(c)   subordinatamente a qualsiasi diritto non escludibile attribuito all’acquirente dalla legislazione, nessun reclamo rispetto a merci e servizi forniti dal venditore sarà accettato dal venditore, salvo che sia redatto per iscritto e notificato al venditore entro i 7 giorni successivi alla consegna delle merci o alla prestazione dei servizi. Salvo che la Legge richieda al venditore di farlo, nessuna merce può essere restituita o scambiata dall’acquirente senza il previo consenso scritto del venditore (tale consenso viene concesso secondo l’insindacabile discrezione del venditore, con o senza condizioni).

17. Autorizzazione a commerciare le merci. Fatto salvo quanto diversamente indicato, l’acquirente può usare le merci acquistate per concludere transazioni in buona fede con terze parti durante lo svolgimento delle sue attività ordinarie, e tramite tale vendita e fornitura attribuisce assolutamente i proventi, non a titolo di garanzia, al venditore. L’acquirente riconosce che la vendita delle merci da parte di un amministratore o consegnatario non costituisce una vendita nello svolgimento delle attività ordinarie dell’acquirente.

18. Relazione fiduciaria. I proventi della vendita di qualsiasi merce ricevuta dall’acquirente devono essere detenuti dall’acquirente su base fiduciaria per il venditore alla ricezione, pertanto l’acquirente deve pagare la stessa somma al venditore. La relazione tra l’acquirente e il venditore deve essere fiduciaria, e il venditore deve avere il diritto di rintracciare e reclamare i proventi di qualsiasi cessione delle merci di tale natura.

19. Pallet. I pallet forniti con le merci non sono venduti e l’acquirente non diventa il loro proprietario. L’acquirente deve conservarli in buono stato affinché siano recuperati dal venditore o dai suoi rappresentanti. Un pallet per lo scambio è richiesto, oppure il noleggio dei pallet deve essere interrotto laddove applicabile. Qualora i pallet non siano restituiti, una commissione equivalente al costo di noleggio può essere addebitata all’acquirente fino al momento della restituzione dei pallet e/o alla risoluzione del noleggio.

20. Colli di consegna. Le merci possono essere consegnate o spedite all’acquirente in uno o più colli, all’interno di uno o più veicoli o navi, e in orari e date differenti. Ciascuno dei colli può fare parte di una consegna più grande.

21. Conformità. Tutte le merci acquistate dal venditore per:
(a)   La rivendita, devono essere vendute dall’acquirente soltanto alle condizioni prescritte dal venditore e, specificamente, tutte le etichette, le capsule, i tappi di sughero, le imbottiture e gli imballaggi non devono essere alterati, modificati o cancellati in alcun modo.
(b)   Il consumo negli esercizi autorizzati, devono essere venduti da o all’interno del contenitore e nelle condizioni in cui sono stati consegnati o prescritti dal venditore; questa clausola non deve tuttavia impedire o limitare il travaso dalla caraffa aperta, o l’acquisto del vino in bottiglia dal venditore.

22. Tempistiche inderogabili. Le disposizioni in merito alle tempistiche sono essenziali e inderogabili per questo contratto.

23. Prova. In assenza di errori evidenti, una dichiarazione firmata dal rappresentante autorizzato del venditore rispetto alle merci e ai servizi ordinati o forniti, o a qualsiasi importo dovuto dall’acquirente, viene considerata una prova conclusiva di tali questioni.

24. Liberatoria. Qualora una disposizione o un termine contrattuali possano essere nulli o non applicabili, tale disposizione o termine viene con il presente derogato, e l’acquirente e il venditore concordano che  la derogabilità di tale termine o disposizione non modifica la continuità dell’efficacia di qualsiasi altro termine o disposizione contrattuali.

25. Deroga e rinuncia. Nessun esercizio mancato o tardivo dei diritti concessi al venditore da queste Condizioni di vendita può costituire una deroga di tali diritti. Il venditore si riserva il diritto di modificare queste Condizioni di vendita a propria discrezione. Tali Condizioni di vendita modificate sostituiscono quelle inviate in precedenza.

26. Notifica della modifica dei dettagli. L’acquirente deve notificare con un mese di preavviso qualsiasi modifica apportata all’entità coinvolta nella transazione, al nome dei suoi titolari, al nome commerciale e/o al concessionario.

27. Giurisdizione applicabile. Il contratto viene disciplinato e interpretato secondo la Legge vigente nello Stato del venditore.

28. Definizioni. In queste Condizioni di vendita, salva indicazione contraria:
(a) “merci” indica qualsiasi e tutte le merci fornite dal venditore all’acquirente;
(b) “acquirente” indica la persona, l’impresa o la società che invia un ordine al venditore per la fornitura di merci e servizi;
(c) “debito dell’acquirente” indica qualsiasi somma che possa essere dovuta al venditore per la fornitura di merci e servizi, o per qualsiasi altra transazione o motivo;
(d) “sede dell’acquirente” indica il luogo in cui l’acquirente svolge le proprie attività ordinarie, o il luogo che l’acquirente ha designato per la consegna da parte del venditore;
(e) “prezzo di acquisto” indica il prezzo riportato sulla fattura o su qualsiasi nota di credito per le merci e i servizi oppure, qualora il prezzo non sia indicato su tali documenti, il prezzo di vendita ordinario applicato dal venditore e notificato a sua discrezione all’acquirente;
(f) “venditore” indica l’entità descritta o indicata come venditore sul retro (o su qualsiasi documento allegato o correlato a queste Condizioni di vendita), che fornisce qualsiasi merce o servizio all’acquirente, autonomamente o in veste di agente per terzi (a prescindere dalla comunicazione del ruolo di agente all’acquirente); e
(g) “sede del venditore” indica il luogo da cui le merci sono spedite dal venditore all’acquirente.

Italia

Top